Come riconoscere il System integrator giusto per le proprio esigenze

Il settore dell’Automazione Industriale richiede specifiche conoscenze e competenze tecniche. Per questo motivo trovare i partner giusti che siano in grado di ascoltare le proprie esigenze e mettere in pratica con le giuste modalità ciò di cui si ha bisogno non è sempre così facile ed immediato. 

Cosa ricercare quindi in un System Integrator? Ecco una breve guida per riconoscere il partner ideale. 

  1. Come lavora il system integrator?

Il metodo di lavoro è spesso basato sull’esperienza: questo si affina con il tempo e più un system integrator è presente nel settore da tempo, maggiore sarà quindi l’esperienza maturata con i progetti passati e con le diverse tipologie di clienti con cui un system integrator ha avuto a che fare. 

  1. Com’è l’approccio all’automation e al business management? 

Le modalità di approccio all’automation e al business management in generale sono altri due aspetti da considerare quando si valuta un potenziale partner / system integrator. 

Per quanto riguarda il metodo legato all’automation, è bene valutare, ad esempio: 

  • La quantità e qualità di tempo che l’azienda dedica ad ascoltare e i dettagli e le dinamiche del progetto; 
  • La tendenza di aprirsi a progetti anche nuovi  rispetto a quelli normalmente sviluppati; 
  • L’essere aggiornati sulle ultime tendenze tecnologiche e di industria 4.0
  • Cercare di captare se le modalità e i costi del lavoro sono in linea con la media del mercato o se sono troppo (o troppo poco) semplificati 

Dal punto di vista del business management, si consigli di valutare: 

  • Il numero dei dipendenti e la percentuale di turnover; 
  • La situazione economica-finanziaria dell’azienda; 
  • Quanto frequentemente e in che misurano il system integrator in questione subappalta i propri progetti. 
  1. Com’è l’approccio al dettaglio relativamente alla parte software, hardware e di networking? Il personale è sufficientemente qualificato?

Idealmente, il system integrator non dovrebbe avere problemi nel carpire i dettagli di hardware, software e delle funzioni di networking. Per questo motivo la presenza in azienda di personale altamente qualificato con un background tecnico-scientifico versatile e applicabile alle diverse esigenze del cliente, porta il system integrator a garantire un servizio di alto livello. 

  1. Ci sono le capacità per gestire le delicate problematiche tipiche del settore?

Essere un system integrator è sicuramente un lavoro delicato che richiede attenzione al dettaglio e capacità di saper gestire le numerose problematiche che possono emergere durante il progetto. 

È sempre bene quindi valutare la capacità del system integrator di definire soluzioni uniche per la specifica applicazione. 

  1. Quali best practice vengono normalmente applicate e in quali settori?

Altro aspetto da prendere in considerazione sono quali best practice normalmente il system integrator è in grado di applicare e in quali settori normalmente li applica. 

Un team di esperti di system integrator di buon livello è in grado di creare hardware e software per qualsiasi progetto di automazione. Questo comprende anche la capacità di progettare e produrre sistemi personalizzati per i vari processi. 

  1. Il system integrator è affidabile al punto di garantire una partnership a medio-lungo termine con il cliente? 

La capacità di saper ascoltare le necessità del cliente e metterle in pratica nelle tempistiche e secondo quanto espressamente richiesto, non è sempre qualcosa di così scontato. Per questo motivo, il partner ideale sa organizzare efficacemente le proprie risorse ed è in grado di garantire un supporto continuo al cliente; tutto ciò a lungo andare permette il crearsi di quel rapporto di fiducia e reciproco interesse sulla quale una relazione commerciale solida si fonda. 

“More than just a supplier of fancy equipment, an integrator should be a partner who understands your goals and has the expertise to help you succeed.” 

(S. Angle, esperto in Sistemi di Automazione Industriale)

Fonte

  1. Angle, “Choosing an automation integrator: factors that matter”.
Condividi l'articolo:
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Articoli recenti: